IMUN 2018: premiazioni e chiusura per il progetto delle Nazioni Unite
,

IMUN 2018: premiazioni e chiusura per il progetto delle Nazioni Unite

Lo scorso 13 gennaio, si è svolta la cerimonia di chiusura del Progetto IMUN (Italian Model United Nations) 2018, che ha visto impegnati in qualità di delegati delle Nazioni Unite alcuni dei nostri studenti: Casale Fabio, Fici Lorenzo, Mentuccia Maria Teresa, Nicolli Alberto, Scocco Elio e Teng Jessica del Liceo Classico e Scientifico dell’Istituto Santa Maria. Giunto alla sua settima edizione, l’IMUN di Roma è organizzato in collaborazione con la Regione Lazio, rappresenta la più grande simulazione italiana e vede la partecipazione di 3.000 studenti, tra cui diverse scuole straniere.
Premiazioni speciali per gli alunni Fici Lorenzo e Mentuccia Maria Teresa.

Nato nel 2011, IMUN è diventato un progetto complesso che coinvolge centinaia di scuole di tutto il paese, articolandosi in diverse edizioni regionali. Allo storico appuntamento romano infatti, si aggiungono sei edizioni regionali che si svolgeranno a Napoli, Torino, Catania, Palermo, Bari e Milano.

Il percorso didattico si articola in due fasi: quella preparatoria, che prevede un incontro seminariale di una giornata (pre conference); quella operativa, ovvero la simulazione effettiva.
L’intero progetto si svolgerà in lingua inglese e vedrà la partecipazione di scuole provenienti da tutta Europa.
Gli studenti lavoreranno singolarmente rappresentando ciascuno uno dei 193 stati membri delle Nazioni Unite.
Ad ogni delegato verrà fornita una guida in lingua inglese che illustrerà le tematiche oggetto dell’attività della propria commissione (topic). Durante il model i delegati saranno guidati e coordinati dallo staff board di United Network.
Trattandosi di un progetto che mira a far crescere e valorizzare le eccellenze, alle scuole aderenti sarà richiesto di selezionare gli studenti più preparati dal punto di vista linguistico, didattico e comportamentale.

Per saperne di più, leggi l’articolo de “Il Sole 24 Ore”

sul progetto.

Please follow and like us: